3 Opel nel Sahara - 3 - Dal Fadnoun a Djanet

12-07-2008


Venerdì, 18 luglio 1986


Già, le marmitte!

Una è irrimediabilmente perduta: lavoriamo due ore per toglierla del tutto, e caricarla sul tetto, in attesa di farla saldare da qualche meccanico in qualche oasi.

 

Si lavora per togliere la marmitta


Intanto il caldo aumenta, e con il caldo la sabbia diventa sempre più morbida e cedevole. Riusciamo ad arrivare a mezzogiorno in un tratto insidioso, dove naturalmente ci insabbieremo e faticheremo non poco per tirarci fuori. Sarà una nostra specialità quella di trovarci insabbiati nelle ore più calde. E sarà soprattutto in quelle occasioni che apprezzeremo l'acqua incredibilmente fresca - anche se piena di sabbia - delle ghirbe appese fuori.

Superiamo abbastanza agevolmente il bellissimo passo di Tin Taradjeli, e davanti a noi si apre la vista grandiosa sull'erg d'Admer, all'orizzonte.



Insabbiamento



Passo di Tin-Taradjeli



Tin-Taradjeli



Buono a sapersi! 



Un cartello ci dice ora che i 200 Km. di pista che abbiamo percorso sono "très dangereus". Ce n'eravamo accorti!

Ma ecco che verso l'una si profila confusamente ai nostri occhi qualcosa che sembra un centro abitato. Abbiamo raggiunto Fort Gardel. E l'acqua del pozzo, generosamente offertaci, i colori dei panni stesi ad asciugare, l'orticello di fortuna dei Tuareg ci ritemprano, ci ridanno l'entusiasmo. Djanet ora non ci sembra più irraggiungibile. 



Capanne a Fort Gardel  



 
Il pozzo di Fort Gardel


 
 Orticello dei Tuareg








Ci arriveremo infatti verso sera, alla calda luce del primo tramonto, dopo aver lanciato le nostre auto a tutta velocità sulla "tôle ondulée", che caratterizzava gli ultimi 100 km di pista. Sapevamo che la "tôle ondulée" poteva essere affrontata in due modi: o a passo d'uomo, oppure alla massima velocità possibile, in modo da volare sulle creste per far sì che le vibrazioni non diventassero insostenibili, dai passeggeri e dalla macchina. Per quanto riguarda noi, abbiamo temuto fortemente per le capsule dei nostri denti, che ci pareva si dovessero staccare da un momento all'altro! Per le auto.... beh, ce ne saremmo accorti in seguito! 


Tôle ondulée 



 
E che buum!


Entriamo nell'oasi in modo incredibilmente rumoroso: le marmitte (le due che ci sono ancora) sono gravemente compromesse. E' anche scoppiata una gomma, abbiamo rotto parecchie bottiglie di plastica piene di acqua, una tanica di benzina ha perso un poco del suo liquido prezioso, avvelenando parecchio cibo.

Ma siamo incredibilmente a Djanet, la perla del Tassili.

Ci rechiamo immediatamente alla gendarmeria, a comunicare il nostro arrivo, accolti dallo stupore dei poliziotti, che, informati sulle qualità delle nostre auto dai colleghi di Illizi, non pensavano che ce l'avremmo fatta entro i due giorni previsti.

L'oasi, grande e bella, è fornita di un campeggio e di un'officina.

Nel primo laveremo noi e i nostri panni, nella seconda rattopperemo le nostre auto. 



La stesa del bucato 



In realtà, non si tratta solo di rattoppi: dall'aria preoccupata di Alfio si intuisce che qualcosa di grave è accaduto: è caduto il motore, per terra, lì, in officina. I supporti elastici originari forse non erano adatti ai 100 all'ora sulla "tôle ondulée". Ma lavorando tutto il giorno con una calma incrollabile, con mezzi di una primitività inconsueta, questi meccanici riusciranno a sistemare il tutto come prima, anzi, meglio di prima, visto che i supporti ora saranno quelli di una Land Rover.


  
Meccanici al lavoro






................................ continua .............................



4 commenti:

  1. #1 13 Luglio 2008 - 15:36

    devo dire che sto sito l'ho visitato molte volte ma molto approssimativamente
    Scopro che (malgrado tutto !!!!!!) ci sono foto, paesaggi, quadri ed altro veramente eccccezziunali
    stupito ti saluto MB

    RispondiElimina
  2. #2 13 Luglio 2008 - 17:26

    Come sarebbe a dire "malgrado tutto"? Come sarebbe a dire "stupito"? Sei sempre il solito!
    Ciao MB

    RispondiElimina
  3. #3 14 Luglio 2008 - 11:42

    siete tipi davvero avventurosi!
    un saluto e buona settimana :-)

    RispondiElimina
  4. #1 04 Agosto 2008 - 13:25

    buona settimana :-)

    vade retro scorpioni!! ;-)

    RispondiElimina