3 Opel nel Sahara - 9

22-11-2008


Martedì 29 luglio 1986


Sveglia di buon ora (5,30) e partenza alle 6,30 in una uggiosa giornata piena di foschia: ricordi di Val Padana.


Avs001 (194)



Dia162


Subito ricomincia quella tôle maledetta. Senza ammortizzatori, come ormai siamo, è tremenda! Preoccupazione di scassare tutto nei salti. Poco dopo, accendendo i fari, scoperta di un nuovo guaio: l’alternatore non ricarica più. Breve e mirato l’intervento di Alfio, promosso sul campo al rango di meccanico della compagnia. In pochi minuti risolve il problema.




Gen413



Avs001 (196)



Si riparte, c’è molta sabbia, per fortuna umida e quindi pesante e andiamo piuttosto allegramente.

Vediamo ancora  la balise 245, poi comincia un’ampia pista, quella seguita dai camionisti. La prendiamo, convinti di seguire quella principale, balisée, ma vai e vai, di balises non ce ne sono più. La preoccupazione per gli ammortizzatori è ormai dimenticata, è insorta quella di esserci persi. Controllando la mappa, pare che si possa andare avanti. Ma ad un certo punto ecco una balise, in lontananza. Evviva! Tutte le auto hanno un braccio fuori, ad indicarla, e ci dirigiamo verso là. Orrore!! La balise subisce una metamorfosi, prima acquista due basi, poi si muove, poi compaiono due braccia, noo!! E’ un uomo! E’ una allucinazione, è il caldo che ci sta facendo andare fuori di testa, o che? Che ci fa un uomo da solo, a piedi nel deserto?!? E’ un ragazzino, nero come la pece, messo lì a far da palo (e come ci è riuscito bene!) ad un camion in panne più in là, dietro una duna. 



Gen566_bis 


Avanti, allora, ‘sta dannata balise la troveremo, prima o poi! Essendo quasi l’una, cominciano gli insabbiamenti: 1-2-3 per noi, e innumerevoli tra tutti. Sfacchinate pazzesche. Non ne possiamo più! Ad un certo punto buchiamo anche, ed è la 4^ volta. Si approfitta della sosta per un pik-nik a base di due meloni (uno piccolo e acerbo, ma va bene anche così).


Gen414


Si riparte. Verso le 4 e passa le tracce si perdono sempre più, e poi spariscono del tutto. Paura!


Gen417


Ci consultiamo. Tutti facciamo i coraggiosi, a parole, ma gli sguardi tradiscono l’ansia. Decidiamo di tornare sui nostri passi, sperando di ritrovare una balise. Ognuno tra sé prega che non si alzi il vento. Cancellerebbe le tracce. Siamo quasi sicuri di aver la pista a destra, ma non la vediamo, e tagliare è impensabile.

Altri insabbiamenti. Sempre più demoralizzati, all’idea di tanta strada fatta per niente (120 km. orribili) e soprattutto preoccupati al pensiero di non ritrovare la pista. Però ad un certo punto riconosciamo le buche scavate per disinsabbiarci, e ritroviamo addirittura le bucce dei meloni. Le tracce ormai sono sempre più evidenti, le seguiamo, ed ecco in lontananza una balise.



Avs001 (198)




Avs001 (195) 




Dia205 




Med117

E’ la 160, plurifotografata. Ma Bruno M. chiude la giornata in bellezza, puntando direttamente su una duna, in preda certo a qualche allucinazione: chissà cosa aveva visto sulla cima!. Noi  accorriamo costernati: è quasi buio, come fare per toglierla di lì? Ma ormai conosciamo tutti i trucchi, e al secondo tentativo riusciamo a disincagliare l’auto.


Dia204


Agnese intanto, rimasta vicino alla balise, ha preparato la “soupe” di aragoste (wow!) per tutti. Che fame! Che sonno! Che stanchezza! Alle 9 siamo tutti super addormentati.
Dormito davvero bene.


........................... continua ...........................

 

 

6 commenti:

  1. #1 07 Dicembre 2008 - 15:31

    Protrebbe essere un film..... tratto da scatti con commento parlato, tenera storia di un viaggio.......!!!!
    Ascoltando la giusta musica in sottofondo ( mi sembra di viverli con voi questi momenti).....!!!!!!!
    Un caro saluto
    Carlo

    RispondiElimina
  2. #2 07 Dicembre 2008 - 18:45

    Grazie, sono contento che la fotostoria della traversata del Sahara ti sia piaciuta.
    Fa piacere trovare un riscontro del gradimento dei lettori che, per la maggior parte, sono piuttosto restii a esprimersi, anche quando si soffermano a lungo sui post e li rivisitano nel tempo, dimostrando interesse. Sarebbe gentile dirlo, no?
    Apprezzo quindi il tuo commento, e ricambio i tuoi saluti
    Alfio

    RispondiElimina
  3. #3 11 Dicembre 2008 - 23:20

    con o senza commenti, questo servizio è superbo. Ci hai portato nel deserto e ci siamo sentiti partecipi. Come avete fatto a non farvi pungere dagli scorpioni?

    RispondiElimina
  4. #4 11 Dicembre 2008 - 23:46

    Grazie, un elogio da te è il non plus ultra!
    Gli scorpioni? Quelli girano solo di notte, e noi dormivamo sul tetto delle auto! (quelli che vedi dormire per terra sono i locali, che ne sanno una più del diavolo, e che dicevano di conoscere il percorso degli scorpioni. Vatti a fidare, però!)

    RispondiElimina
  5. Bellissime le foto,il video,affascinanti i tramonti,ma dopo tante traversie ..
    zuppa di aragosta? nel deserto? mi sono persa qualcosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, zuppa di aragoste!!
      Mangiavamo sempre minestre liofilizzate, semplici da preparare e utili per ridarci i liquidi che avevamo perso durante il giorno. E tra queste c'era anche la zuppa in questione. Ne ricordo ancora il gusto!!

      Elimina