Viaggio in Tunisia - Da Douz a Tozeur


14-07-1982, mercoledì

Colazione e partenza per Tozeur, via Kebili, con visita al mercato locale. Attraversato il Chott el Djerid , con miraggio, acqua salata e ai bordi nevicata di sale. 



Chott el Djerid



Chott el Djerid



Chott el Djerid



Pranzo a Tozeur, dopo nuotata in piscina, brutta, grande e con alghe sul fondo. Siesta. Al pomeriggio visita dell'oasi di Nefta. Comperato un tappeto. Palmeto attraversato da un fiumiciattolo di acqua sorgiva, che risaliamo a piedi. Ogni tanto c'è gente che fa il bagno seduta in 10 cm. d'acqua. Parecchi piccoli affluenti, dalle numerose sorgenti dell'oasi. Riemergiamo, salendo un po', dove ci spetta la Land Rover con Alì. 



Nel palmeto a Nefta




Nefta


Il gruppo intorno a Camel


Un marabutto a Nefta


Ritorno in albergo a Tozeur. Cena (nel locale c'è un tentativo di aria condizionata). Sulla via del ritorno visita al minizoo e al Paradiso di Tozeur, un po' fuori della città, in cui facciamo una passeggiata digestiva; tanta la gente a spasso, strade sporche, bar con toeletta schifosa, dove Rosaria sta male. Acquistato giacca e tappetini. 



Sulla strada per Tozeur



Al mini zoo di Tozeur



Gazzella sahariana


Un bel serpente



Il fennek, piccola volpe del deserto




L'immancabile scorpione


Ritorno in albergo e caccia grossa agli scarafaggi (mai visti grossi così!). Si decide di dormire fuori, sul bordo della piscina, tutti e 5. Anne Marie sul catafalco, noi sulle sedie a sdraio. Dormiamo abbastanza, dopo risate matte. 
                                                                                                                                                                                                                          < tappa precedente                                            tappa seguente > 



Nessun commento:

Posta un commento