Salviamo Les Coussoules

09-10-2011


Ecco alcune foto del campeggio Les Coussoules di La Franqui


DSC_0462




DSC_0470




DSC_0472




DSC_0476




DSC_0469




DSC_0480




DSC_0481



puledri galoppano liberi sulla spiaggia




DSC_0481_bis




e simpatiche raganelle ti accolgono alla sera nelle toilettes




150920101334_1923



Sulla spiaggia del campeggio si praticano gli sport del vento, si fanno bagni, si fanno lunghe passeggiate, a piedi, in bicicletta o a cavallo, in una natura integra che oggi è ormai difficile trovare.

Io amo definire La Franqui come "La casa del vento".

Ecco il perchè:


(prima di lanciare il video stoppare la musica di fondo, se l'avete avviata)




Questo è il camping municipale Les Coussoules, a La Franqui, che un capitalista francese vuole comperare per trasformarlo in un "glamping" (glamour + camping) di lusso, destinato a una clientela danarosa, con bungalow super tecnologici, piscine, parco acquatico, ristoranti, supermercato, discoteca, animazione giorno e notte. E' un'operazione che ha già fatto in altre località francesi, dove ha distrutto la natura spontanea piantando in cambio qualche centinaia di alberi. Il soggiorno in questo glamping costerà all'incirca 1000 € alla settimana! Nel camping esistente oggi, in bassa stagione, si pagano 10 € a notte! Senza contare che la spiaggia e il mare antistante, dove oggi si praticano kite surf, windsurf, kite buggy, carro a vela, e altri sport del vento, più l'equitazione, sarà riservata ai clienti che esibiranno la loro ricchezza. Non si vedranno più puledri correre liberi sulla spiaggia, gli asinelli verranno sfrattati (i ricchi non amano gli odori naturali), le raganelle che, di notte, trovi nelle toilettes, anche loro verranno eliminate. E i conigli e i leprotti di notte dove andranno? In piscina? Oppure a divertirsi sugli scivoli?

Si può sperare di impedire tutto questo andando sul sito in difesa di Les Coussoules e firmando la petizione.

Chi ha a cuore la tutela della natura, chi ama una vita semplice ma intensa, lo faccia. Avrà la riconoscenza di più di 1300 persone, che per ora hanno firmato la petizione!